come canapa semplice e preziosa

Lo sguardo segue  il fluire dei fianchi tuoi, dalla pelle ambrata sino al candore delle lenzuola. Finalmente dormi serena, dopo ore d’onde impetuose e sguardi appiccicati al soffitto. L’aria offre ancora l’odore della rassegnazione, di quel placido e inerme scorrere, tra carrelli della spesa e piatti da lavare, tra il sogno abbandonato sull’altare e gli occhi tristi che trascini ogni sera in questo letto.
Dormi serena, finalmente. Forse t’ammiri diversa e sicura e felice nel tuo mondo notturno, nel tuo spicchio di gioia, protetto dal buio e lontano dalle nostre parole, sempre uguali e così feroci. Ed ora, qui, accanto al tuo corpo caldo, accanto alla pelle un tempo annusata, sfiorata, morsicata, ritrovo briciole di passione e pallidi sorrisi di cortesia. Ma tu sei stata amore, profondo. Sei stata carne, rinnovata ad ogni battito.
Sei stata mano, intrecciata come canapa semplice e preziosa. Con lo sguardo che naviga dal soffitto ai tuoi fianchi, mi rendo conto solo ora – e ti chiedo perdono – che il mio amore è frutto antico. Non esigo alibi o macchine del tempo.
Ieri sera le tue parole sono state limpide, sincere, tenere. Sei bella, fiera  e meriti di guardare il mondo, respirare un nuovo vento che non contiene il mio alfabeto: consonanti e sillabe dalla memoria corta e dalle regole sgangherate.
So che è un pensiero giunto in ritardo, di quelli da biglietto scaduto. E domani mattina, quando andrai via, ho un solo modo per dirti addio: abbracciarti e sussurrare “ti amo”. © 2013 giovanni leone.

52 Comments

      1. Bè, faccio del mio meglio. ( scherzo) . Però una cosa voglio dirla. E’ per me un piacere arrivare a tutti voi che mi dimostrate amicizia, con tanti bei commenti. Se per fortuna, riesco a farvi dono di qualcosa che penso possa interessarvi, lo faccio con tutto il cuore. Buona giornata mio caro amico. Isabella

  1. “di notte mi siedo sul letto e t’ascolto
    russare
    t’ho incontrata in un’autostazione
    e ora guardo con stupore la tua schiena
    bianca fino alla nausea e macchiata
    di lentiggini infantili
    mentre il lume rovescia l’insolubile
    dolore del mondo
    sul tuo sonno. ”

    sheraxrestareintemadidonne/Bukowski

    Buonadomenica

  2. Ciao Giovanni, ti ringrazio per la tua presenza ed il tuo sostegno al mio lavoro. Da oggi il blog si sposta all’indirizzo http://www.umbriaecultura.it, mi farebbe piacere continuare a contare sulla tua presenza, come io continuerò a leggerti. Se vorrai, ti invito ad iscriverti alla nuova newsletter… grazie per tutto. Benedetta

  3. Ahh, Giovanni, oggi c’è ancora un pò di sole…Prima che sparisca spero di fare in tempo ad allungare qualche raggio che arrivi a te per regalarti una splendida giornata. Un sorriso. isabella

  4. …intrecciata come canapa semplice e preziosa…Peccato averla vista nella semplicità dell’amore e poi, dopo, quando ormai la canapa iniziava a farsi lisa capire quanto era preziosa. Peccato che forse quella canapa ha trovato un tessitore d’amore più attento.
    Bella nella sua malinconia. Fa riflettere, come molte delle cose che scrivi.
    Grazie sempre per le emozioni che mi dai.

    1. A volte, sulla linea dell’orizzonte restano parole non dette, teneri ricordi, rapaci rimpianti. Ma l’addio va pronunciato sempre con rispetto.
      Grazie di cuore per le tue emozioni.

  5. Parole scritte col cuore di cui si avverte il fremito mio dolce e sensibile amico.Fa bene leggerti, è planare là dove esiste tenerezza e dolcezza. Grazie di cuore , con un sorriso. Isabella

  6. .mi rendo conto solo ora – e ti chiedo perdono – che il mio amore è frutto antico
    .Non esigo alibi
    .meriti di guardare il mondo, respirare un nuovo vento che non contiene il mio alfabeto

    .So che è un pensiero giunto in ritardo, di quelli da biglietto scaduto.

  7. Colpita dal tuo delizioso scrivere…mi è rimasto impresso la similitudine con la canapa, tessuto semplice ma “resistente” la canapa predilige un clima temperato ma sa adattarsi ad un clima impervio e crescere “forte e sano”. Quando leggo qualcosa estrapolo una parola, un concetto e lo sviluppo, un modo come un altro per dare un nuovo senso alle cose, del tuo post ho preso (in prestito)questo.
    Grata dell’opportunità.

    Un sorriso, buona serata.

    Giusy

  8. che meraviglia…i tuoi scritti fanno sempre emozionare!
    mi piacerebbe sapere se è dedicata a qualcuna in particolare o solo frutto di tua fantasia.
    “respirare un nuovo vento che non contiene il mio alfabeto: consonanti e sillabe dalla memoria corta e dalle regole sgangherate”, ben detto!

  9. Bellissime parole. Ma perché si aspetta sempre che un oceano ci divida per ricordarci che navigavamo insieme…
    Buona vita.
    Gloria

  10. Si può, in un breve post trasmettere infinite immagini di vita? di sensazioni ? di sentimenti?
    E’ possibile e lo dimostri tu con la tua bravura che emoziona al pari del racconto.
    Grazie

I commenti sono chiusi.