cartastraccia [6]

Confesso di aver vissuto. In 24 ore ho postato 27 selfie assortiti (solo e male accompagnato), 24 immagini dei dolci pargoli (ogni scarrafone… ), 22 foto del gatto (alla 23esima, la bestiola ha reagito con un graffio ben assestato e ha chiesto asilo ai tetti), 7 immagini del cane del vicino, 3 primi piatti (i…

Continua a leggere

cartastraccia [5]

Che cosa fa della rassegnazione un mare senza vento? Forse quel pensiero quotidiano che stabilisce un principio del vivere apatico, ovvero che il cambiamento spetta agli altri. Noi, confessiamolo, abbiamo la vocazione dello spettatore. Intanto, la vita scorre e il malumore sale, in silenzio, come un termometro che non bada alla temperatura, ma a preservare…

Continua a leggere

cartastraccia [4]

L’erba del vicino è sempre più verde, dicono. I suoi spavaldi fili svettano rigogliosi verso il cielo, quasi a dimostrare una piccola naturale superiorità. Gettiamo uno sguardo oltre lo steccato e sentiamo una fitta alla bocca dello stomaco. Lì, è tutto più curato, bello, orgoglioso. Poi, i nostri occhi sfiorano il prato che calpestiamo e…

Continua a leggere