Nel paese del colore, del mare, delle idee sbilenche che inondano strade e piazze, la colonnina di mercurio si inchioda sul freddo, sul cinico e algido sentimento di confine, dove tutto è permesso. Piove sulla città della misericordia, del tira a campare, del domani da sognare.

È tempo di sognare, adagiarsi lungo la riva e desiderare bastimenti carichi di luminosi giorni. È tempo di sorridere, di annegare bui pensieri, di riscoprire le insenature della propria anima. È il momento della sosta, del respiro dolce, del vivere lento. Ognuno secondo il proprio sentire, ciascuno seguendo il proprio sentiero. “Qualunque cosa tu possa […]