assi di cuore

C’erano una volta i napoletani. I loro cuori erano scrigni. Custodivano un bene prezioso e luccicante: la dignità. E c’erano due uomini. Il primo scriveva di quel tesoro, intimo cantore di una Partenope che fu, il secondo, eterno innamorato degli alunni del sole, dipingeva – con le sue immagini – la decorosa genialità della terra vulcanica. I nomi: Giuseppe Marotta e Vittorio De Sica. Il loro incontro diede vita ad una delle più affascinanti narrazioni cinematografiche: L’oro di Napoli.

Continua a leggere

la vita secondo Totò

La vita è fatta di cose reali e di cose supposte: se le reali le mettiamo da una parte, le supposte dove le mettiamo?

Continua a leggere