cartastraccia [7]

Potrei parlare di petali appassiti e tramonti struggenti, della parola fine e di lacrime gemelle, di cuori tondi e battiti perfetti. Potrei forgiare aggettivi termici e soffici golosità, verità glicemiche e false bontà, solitudini ammiccanti e vocianti peccati. Potrei camminare lungo sentieri accennati e viali tormentati, spiagge invernali e autostrade notturne, vicoli ciechi e pianure […]

Read More…

l’armonica diversità

Ciro Martanna era uomo di mare. Nel suo sguardo potevi leggere la furia del vento, la bizzarria delle onde, l’appuntito sole, una fanciullesca semplicità. Raccontava i suoi viaggi, storie di porti lontani, luoghi al confine del tempo e del navigabile. Il linguaggio universale era fatto di sorridenti fonemi, strette di mano, piccoli grandi gesti d’accoglienza. […]

Read More…

chiuso per sogno

È tempo di sognare, adagiarsi lungo la riva e desiderare bastimenti carichi di luminosi giorni. È tempo di sorridere, di annegare bui pensieri, di riscoprire le insenature della propria anima. È il momento della sosta, del respiro dolce, del vivere lento. Ognuno secondo il proprio sentire, ciascuno seguendo il proprio sentiero. “Qualunque cosa tu possa […]

Read More…